L’e-commerce è ormai un fenomeno più che diffuso, con una crescita costante anno dopo anno e un fatturato complessivo che solo in Italia ha superato l’anno scorso i 24 miliardi di euro. Oltre ai grandi negozi, da sempre online, sta crescendo una generazione di piccole e medie imprese che proprio in tempi di crisi si stanno ingegnando per cercare di aprirsi a costi più contenuti nuovi mercati, anche in contesti internazionali.

Ma quale è la propensione dei consumatori rispetto agli acquisti online? Secondo un’indagine Nielsen relativa alle intenzioni di acquisto attraverso strumenti informatici, al primo posto con il 37% degli intervistati troviamo l’abbigliamento e le scarpe, il che può sembrare strano perché sono prodotti che si ritiene le persone siano più propense a voler scegliere e provare dal vivo in un negozio fisico.

Al secondo posto ci sono i libri, uno dei primi àmbiti in cui l’e-commerce si è storicamente sviluppato, ma che riscontra un calo dal 44 al 33% nelle persone che scelgono gli acquisti online. Non parliamo qui degli ebook, che si trovano più basso nella classifica. A seguire ci sono i viaggi, poi i biglietti per cinema, sport e intrattenimento vario, con il 30%.

Troviamo a seguire la tecnologia, in particolare i videogame passati dall’11 al 29%, seguiti a ruota da cellulari e smartphone che si assestano al 26%. Dopo un altro settore molto in crescita negli ultimi tempi, ovverosia il cibo, che anche in questo caso con il 26% ha superato addirittura il mercato dei computer e dei loro accessori, che si assesta al 25%.

Ancora a seguire troviamo i prodotti per il benessere e la cura della persona al 25%, poi l’intrattenimento audio e video su CD e DVD con il 23%.

Avevamo prima acennato agli ebook, li troviamo qui abbastanza in fondo alla classifica, insieme alle pubblicazioni digitali come le riviste, al 20% delle intenzioni di acquisto online.

A chiudere la classifica sono i motori, all’11% settore comunque in leggera crescita per quanto riguarda gli accessori per auto, ma è più fermo sui ricambi che sono tradizionalmente un settore più legato all’esigenza di un’assistenza professionale specifica.

Fonte www.ilprezzogiusto.it