In questa settimana il titolo Facebook festeggia sei mesi dall’approvazione del piano di capitalizzazione da 200 miliardi di dollari.

Anche se Facebook non è stata quotata in borsa fino al maggio del 2012, il suo valore nell’estate del 2009 è stato ufficiosamente fissato in circa 10 miliardi di Dollari, nel momento in cui “Digital Sky Technologies” ne ha acquistato 2% di quote per un valore complessivo di 200 milioni di Dollari.

I commenti legati all’operazione di quel momento erano abbastanza critici circa la valutazione vertiginosa fatta al titolo.

Tuttavia, nonostante lo scetticismo di allora, oggi la società di Mark Zuckerberg vale molto di più di tanti giganti tecnologici quali IBM o Intel Corporation, o Brand del calibro di Coca-Cola o Visa.

C’è da chiedersi, quindi, alla luce del fatto che Facebook è premiata dagli investitori più di quanto non vengano premiate le succitate aziende, da dove deriva tanto interesse per il titolo.

La nostra opinione è che dietro ci sia una combinazione di crescita strutturale e di utili derivanti dal mercato della telefonia mobile, in particolare legati alle acquisizioni dei servizi di messaggistica mobile WhatsApp, Instagram o quella virtuale legata al gaming Oculus VR.

Riteniamo altresì che il titolo Facebook giocherà ancora per molto tempo un ruolo predominante nel settore dell’innovazione e della tecnologia, e che nonostante il periodo non certo felicissimo, sia sempre un titolo sul quale puntare.